Philippe Daverio a Theatrum Mundi: “Nell’arte sentire è più importante che capire”